Menu

Biblioteca comunale: gruppo di lettura "IL SENTIERO DEI LIBRI" - Libro del mese "Il percorso dell'amore” di Alice Munro, 11 Luglio 2018, ore 17,00

Proseguono gli incontri…..il gruppo di lettura IL SENTIERO DEI LIBRI si riunisce nuovamente per completare la discussione del libro già presentato c/o Domu Odilia in occasione della Festa della Musica e scegliere il libro del mese di agosto

“Dalla passione per i libri e la lettura alla costituzione di un gruppo per scambiarsi sensazioni, emozioni, pensieri su libri scelti di comune accordo”

 

Il libro del mese di luglio 2018 è Il percorso dell’amore di Alice Munro

Il prossimo incontro si terrà presso la biblioteca comunale il giorno

11 luglio 2018 alle ore 17,00

     

IL ROMANZO

Il percorso dell’amore va a ritroso. Dall’amore scontato, dall’amore dichiarato e garantito, verso l’essenza di quel filo prodigioso, sfilacciato, ingarbugliato, che comunemente, scioccamente, vanamente chiamiamo amore. Come se una parola potesse racchiudere tutto. La passione, la cura, la comprensione, la rabbia, il bisogno, il dono, la paura. Alice Munro con il suo tratto preciso, affilato, sorprendentemente vivido, dipinge l’impossibile, l’instabilità del confine, le emozioni, come veli dai colori più diversi che sovrapposti ne creano uno mai visto, non ripetibile eppure simile a mille altri, un colore che non ha un nome in natura.

Scrittura del confine, dicevo, dove il confine si sposta, fluttua, dove il bordo è sfrangiato, trasparente, in movimento. Alcuni racconti sono vere e proprie epifanie. Ho provato a fermare le rivelazioni che sbocciavano via via, sulla carta, volevo  essere sicura di non perderle, ma ho scoperto che sfuggivano, come pesciolini tra le dita. Inafferrabili. Le custodisco, ma non le so spiegare.

Alcuni, come lo splendido Una vena di follia o il commovente Monsieur Les deux chapeaux sono mirabili giochi di specchi, dove le immagini rimbalzano, prendendosi gioco della nostra assurda pretesa di una e una sola verità, stregandoci, ammaliandoci. Alice Munro è semplicemente impareggiabile quando affonda la penna nelle dinamiche dei legami familiari, i meccanismi di superficie e i moventi segreti, le convivenze impossibili, di fedeltà e desiderio di libertà, di pesi e slanci, di ripugnanza e devozione.

Guardava fuori dal finestrino, mentre capiva. Il sole splendeva sulla soffice erba di giugno, sui ranuncoli, sulla linaria e sulle vecchie pietre lisce, e su tutta quell’aspra campagna di cui non le sarebbe mai importato nulla, e la parola che le venne in mente fu “d’oro”.

Un’occasione d’oro.

Per cosa?

La sai per cosa. Per arrenderti. Per rassegnarti. Prenderti cura di loro. Vivere per gli altri.

Questo fu il modo che Violet scelse per superare il dolore. Scaricarselo di dosso. Come un peso morto.

(da Una vena di follia)

In quello che probabilmente è il mio racconto preferito, Mucchio bianco, c’è la descrizione più perfetta, lucida e realistica della nascita del desiderio che io abbia mai letto.

C’è tutto, condensato in poche frasi, come questa:

─ Secondo me, il momento migliore è sempre l’inizio. L’inizio e basta. È l’unica parte autentica. Anzi, forse perfino l’attimo prima dell’inizio. Forse quando ti balena in testa l’idea che possa succedere. Forse è quella, la parte migliore.

Come non sottoscrivere la dichiarazione di Jonathan Franzen:

“Alice Munro è uno dei pochi scrittori a cui penso quando dico che la letteratura è la mia religione”.

recensione a cura di Sabrina Campolongo da http://24letture.ilsole24ore.com/

 

L’AUTRICE

Alice Munro nasce nella città di Wingham, Ontario in una famiglia di allevatori e agricoltori. Cominciò a scrivere da adolescente e pubblicò la sua prima novella da studentessa della University of Western Ontario nel 1950. Lavorò nello stesso periodo come cameriera e bibliotecaria. Nel 1951 lasciò l’università e si sposò con James Munro trasferendosi  a Vancouver. Nel 1972 il divorzio dal marito riportò Alice nell’Ontario per svolgere il lavoro di “Writer-in-Residence” all’università del Western Ontario.

Nel 1976 si risposò con un geografo e andò a vivere prima in una fattoria dell’Ontario e poi in una casa nella città di Clinton. Dal 1979 al 1982 andò in Cina, Australia e Scandinavia, nel 1980 si trasferì nel Queensland  e lavorò all’University of Queensland. Nel corso della sua carriera di scrittrice Alice Munro ha vinto numerosi premi nazionali e internazionali. Nel 2013 le viene assegnato il Premio Nobel per la Letteratura e viene definita da Peter Englund, segretario permanente dell’Accademia di Svezia, “Maestra del racconto breve contemporaneo”. Alice Munro, è la prima canadese donna a vincere il Premio Nobel per la Letteratura.

I libri di Alice Munro sono tradotti in Italia da Einaudi che ha pubblicato alcune raccolte di racconti:

Nel 1968 “La danza delle ombre felici” ottenne un gran favore di critica e vinse in quello stesso anno il Governor General’s Award che è il più importante premio letterario canadese. Il libro contiene tutti i temi della quotidianità amati da Alice Munro.

Dieci anni dopo replica con “Chi ti credi di essere?” composta da dieci storie con al centro un’unica protagonista, Rose, e un narratore onnisciente che ordina cronologicamente gli episodi della sua vita.

Ancora storie di donne alle prese con relazioni sentimentali difficili, nella raccolta “Le lune di Giove” del 1982. Nel 1989, con “Il percorso dell’amore”, l’autrice racconta di trappole e inganni della memoria, e porta in superficie il lato nascosto delle cose. In Segreti svelati sono otto i racconti di donne e famiglie, esistenze di fatte di solitudine e incomprensioni. Ancora otto storie di donne anche nella raccolta Il sogno di mia madre del 1998. Segue nel 2001, Nemico, amico, amante…, nel 2004 In fuga ci sono tre racconti con la stessa protagonista e raccontano della separazione traumatica e dolorosa fra una madre e una figlia.

E’ del 2006 La vista da Castle Rock, storia familiare di un antenato della Munro e autobiografico.

Nel 2009 è la volta di Troppa felicità racconti tra il giallo e il gotico. Nel  2012, pubblicato in Italia nel 2014 sempre da Einaudi, Munro pubblica la raccolta Dear Life

Chi volesse inserirsi nel gruppo può farlo liberamente in qualsiasi momento, decidere di saltare incontri e riprendere a partecipare secondo il proprio bisogno e in totale autonomia.

Gli incontri si tengono nei locali della Biblioteca comunale, presso il Centro polivalente di via Fara.

Scheda del mese di luglio 2018: "Il percorso dell'amore" di Alice Munro

Scheda del mese di giugno 2018: "La coscienza di Zeno" di Italo Svevo

Scheda del mese di maggio 2018: "Coral Glynn" di Peter Cameron

Scheda del mese di aprile 2018: "Se una notte d'inverno un viaggiatore" di Italo Calvino

Scheda del mese di marzo 2018: "Otto mesi a Gazzah Street" di Hilary Mantel

Scheda del libro del mese di febbraio 2018: "La moglie" di Jhumpa Lahiri

Scheda del libro del mese di gennaio 2018: "Memorie dal sottosuolo" di Fedor Dostoevskij

Scheda del libro del mese dicembre 2017: "Del dirsi addio" di Marcello Fois

Scheda del libro del mese di ottobre 2017:"Da dove la vita è perfetta " di Silvia Avallone

Scheda del libro del mese di settembre 2017: "La bellezza delle cose fragili" di Taiye Selasi 

Scheda del libro del mese di agosto 2017: "La pioggia prima che cada" di Jonhatan Coe

Scheda del libro del mese di luglio 2017: "1984" di George Orwell

Scheda del libro del mese di giugno 2017: "Dio di illusioni" di Donna Tartt

Scheda del libro del mese di maggio 2017: "La più Amata" di Teresa Ciabatti

Scheda del libro del mese di aprile 2017: "Le colpe dei padri" di Alessandro Perissinotto

Scheda del libro del mese di marzo 2017: "Non dirmi che hai paura" di Giuseppe Catozzella

Scheda del libro del mese di febbraio 2017: "Il rumore del tempo" di Julian Barnes  

Scheda del libro del mese di gennaio 2017: "La tentazione di essere felici" di Lorenzo Martone

Scheda del libro del mese di dicembre 2016:"La custode del miele e delle api" di Cristiana Caboni

Scheda del libro del mese di novembre 2016: "Gli anni al contrario" di Nadia Terranova

Scheda del libro del mese di ottobre 2016: "Maria di Isili" di Cristian Mannu

Scheda del libro del mese di settembre 2016: "Tina" di Alessio Torino

Scheda del libro dei mesi luglio/agosto 2016: "La figlia Sbagliata" di Raffaella Romagnolo 

Scheda del libro del mese di giugno 2016: "Il Maestro e Margherita" di Michail Bulgakov   

Scheda del libro del mese di maggio 2016: "Opinioni di un clown" di Böll Heinrich.

 

Il libro del mese di aprile è stato "Paese d'ombre" di Giuseppe Dessì, Premio Strega del 1972

 

Locandina informativa

Modulo domanda