Menu

Biblioteca comunale: gruppo di lettura "IL SENTIERO DEI LIBRI" - Libro del mese di Ottobre: "Da dove la vita è perfetta" di Silvia Avallone, 8 Novembre 2017, ore 16,00

Proseguono gli incontri…..il gruppo di lettura IL SENTIERO DEI LIBRI si riunisce mensilmente nei locali della Biblioteca comunale.

“Dalla passione per i libri e la lettura alla costituzione di un gruppo per scambiarsi sensazioni, emozioni, pensieri su libri scelti di comune accordo”

 Il prossimo incontro si terrà presso la biblioteca comunale il giorno 8 Novembre 2017 ore 16,00.

 

Il libro del mese di Ottobre è "Da dove la vita è perfetta" di Silvia Avallone

     

 L’autrice

Nata a Biella nel 1984 vive a Bologna, dove si è laureata in Filosofia e specializzata in Lettere.
Nel 2007 ha pubblicato la raccolta di poesia Il libro dei vent’anni (Ed. Della Meridiana), vincitrice del premio Alfonso Gatto sezione giovani. Sue poesie e racconti sono apparsi su Granta e Nuovi Argomenti. Ha scritto per il Corriere della Sera e per Vanity Fair. Con il suo romanzo d’esordio Acciaio (Rizzoli, 2010) ha vinto il premio Campiello Opera Prima, il premio Flaiano, il premio Fregene, e si è classificata seconda al premio Strega 2010. Il romanzo è stato tradotto in 22 lingue e in Francia, con “D’Acier”, ha vinto il Prix des lecteurs de L’Express 2011. Da Acciaio è tratto il film omonimo, per la regia di Stefano Mordini, con Michele Riondino e Vittoria Puccini, prodotto da Palomar. Il suo nuovo romanzo s’intitola Marina Bellezza (Rizzoli, 2013).

 

Il romanzo

Venti minuti da trascorrere sola al mondo, separata dal mondo, con sua figlia Bianca, chiamata «come le cose bianche», amata dal primo battito cardiaco amplificato durante l’ecografia e deflagrato come un tuono nel corpo diciassettenne di una timida, sempre defilata, «una normale. A cui non poteva toccare niente di straordinario». Il cordone non era ancora stato tagliato. «L’aveva voluto Adele, che le separassero dopo. Che non ci fosse mai più, un dopo. La guardava prona sulla pancia, come un osso di seppia portato dal mare». Bianca ha smesso di piangere, ha già imparato a respirare: agli occhi, sotto le dita, nel naso, nella bocca della giovane madre, la bambina sa di alghe, di salsedine, di prato umido, di chiuso di petali. «Bianca ripeté, come fosse una parola nuova».

È quello i petali ancora stretti che schiuderanno una persona, le parole che combaciano e sono veramente ciascuna nuova — è quello lo spazio Da dove la vita è perfetta, il luogo sicuro che il titolo del libro promette. Non è soltanto la maternità, la catena di donne che attraversano i capitoli spossate e furibonde; non è soltanto la paternità, alla quale ragazzi irrequieti guardano con la nostalgia di emozioni implorate e mai condivise; non è soltanto l’essere — insieme — comunque figli. È prima di tutto, alla fine di tutto, il desiderio di trovare riparo, di essere contenuti per quello che siamo: come contenuto e protetto è il tempo dei nove mesi che scorrono silenziosi nella pancia mentre fuori, nel frastuono, Adele si chiede che farà di quella esistenza, dopo. È il desiderio di rovesciare — nonostante gli abbandoni e i telefoni che non squillano più — lo sguardo di Javier Marías quando preannuncia Così ha inizio il male. Di rovesciarlo, o anche solo sospenderlo, per cercare una morena da cui la vita può essere ancora perfetta: la memoria misteriosa del phon di tua mamma incinta che si asciuga i capelli; la panchina dalla quale ti immagini in una forma lontana, seduta accanto all’unica amica che avrai; la necessità di scrivere e descrivere il mondo che va avanti, fosse anche solo quello dell’appartamento vicino dove una ragazza la sera si appoggia contro il caldo del termosifone; la possibilità, sempre, di leggere i libri di Dostoevskij o Flaubert che liberano un giovane uomo da un destino incastrato tra un padre inesistente e una madre smarrita nella depressione…(Il corriere della sera)

 

 

Chi volesse inserirsi nel gruppo può farlo liberamente in qualsiasi momento, decidere di saltare incontri e riprendere a partecipare secondo il proprio bisogno e in totale autonomia.

Gli incontri si tengono nei locali della Biblioteca comunale, presso il Centro polivalente di via Fara.

Scheda del libro del mese di ottobre 2017:"Da dove la vita è perfetta " di Silvia Avallone

Scheda del libro del mese di settembre 2017: "La bellezza delle cose fragili" di Taiye Selasi 

Scheda del libro del mese di agosto 2017: "La pioggia prima che cada" di Jonhatan Coe

Scheda del libro del mese di luglio 2017: "1984" di George Orwell

Scheda del libro del mese di giugno 2017: "Dio di illusioni" di Donna Tartt

Scheda del libro del mese di maggio 2017: "La più Amata" di Teresa Ciabatti

Scheda del libro del mese di aprile 2017: "Le colpe dei padri" di Alessandro Perissinotto

Scheda del libro del mese di marzo 2017: "Non dirmi che hai paura" di Giuseppe Catozzella

Scheda del libro del mese di febbraio 2017: "Il rumore del tempo" di Julian Barnes  

Scheda del libro del mese di gennaio 2017: "La tentazione di essere felici" di Lorenzo Martone

Scheda del libro del mese di dicembre 2016:"La custode del miele e delle api" di Cristiana Caboni

Scheda del libro del mese di novembre 2016: "Gli anni al contrario" di Nadia Terranova

Scheda del libro del mese di ottobre 2016: "Maria di Isili" di Cristian Mannu

Scheda del libro del mese di settembre 2016: "Tina" di Alessio Torino

Scheda del libro dei mesi luglio/agosto 2016: "La figlia Sbagliata" di Raffaella Romagnolo 

Scheda del libro del mese di giugno 2016: "Il Maestro e Margherita" di Michail Bulgakov   

Scheda del libro del mese di maggio 2016: "Opinioni di un clown" di Böll Heinrich.

 

Il libro del mese di aprile è stato "Paese d'ombre" di Giuseppe Dessì, Premio Strega del 1972

 

Locandina informativa

Modulo domanda